Medioevo

Nell'anno 800, l'imperatore Carlo il grande viene incoronato dal Papa come imperatore romano. Per la prima volta - e l'ultima - l'onore dell'imperatore rimane in mani tedesche. Nel 962 Ottone il grande viene incoronato imperatore romano. L’incoronazione dell'imperatore poteva venire fatta soltanto dal Papa fino poco prima del 150. Per l'incoronazione dell'imperatore, ma anche per assicurare il ruolo in Italia, partirono numerose spedizioni imperiali verso l'Italia.

Con questo, Ehrenberg continua a testimoniare la marcia delle truppe e degli ospiti ancora e ancora. Ma anche il passaggio dell'imperatore: l'imperatore Federico Barbarossa (morto nel 1190) ad esempio si avventurò verso le sue crociate e verso l'Italia quattro volte. Memorabile, tuttavia, fu il ritorno dell'imperatore Lother III dalla sua seconda spedizione in Italia. L'imperatore Lothar III morì il 4 dicembre 1137 a Breitenwang. Fu sepolto nella cattedrale di Königslutter. L'imperatore Lothar III lasciò le vestigia imperiali a suo genero, a Breitenwang.

Konradin viaggia verso l'Italia nel 1266 (probabilmente attraverso Ehrenberg). Due conti lo accompagnarono a Verona: il suo patrigno Meinhard II e un conte a quel tempo insignificante di nome Rudolf von Habsburg! Konradin viene decapitato nella piazza cittadina di Napoli nel 1268.

Dalle ex proprietà Staufer di Konradin, Meinhard II riuscì ad avere una grossa parte del Außerfern. Per mettere al sicuro la zona del Nord, Meinhard fece costruire Falkenstein a Pfronten. Egli si ritirò da questo punto in poi a favore del suo alleato, il vescovo di Augusta, e fa costruire il castello di Ehrenberg, che al momento della sua morte, avvenuta nel 1295, era finito ma si presentava come un castello piuttosto piccolo. Quello di Ehrenberg  era e rimane un castello per il signore locale. Il custode più alto in grado è il cosiddetto „Pfleger auf Ehrenberg“ (It: Cusotde di Ehrenberg), il quale agisce da signore in vece del conte. Ehrenberg così come il forum quindi apparteneva alla proprietà austriaca promessa nel 1354. Si potrebbe speculare naturalmente, sul fatto che la gente di Außerfern, fintanto che  Außerfern apparteneva alla corte di Ehrenberg all’epoca, era Austriaca da nove anni in più rispetto ai Tirolesi. O in altre parole: in quanto austriaci, il popolo di Außerfern è più antico dei tirolesi!

Si potrebbe pensare che dopo il matrimonio dei figli del reggente, la corte sarebbe dovuta passare sotto il dominio tirolese. Ma la storia non è così semplice, dato che il contratto di matrimonio prevedeva una clausola:

In caso di un passaggio senza figli, la dote sarebbe dovuta ritornare alla casa austriaca. All'epoca del matrimonio, Margarethe aveva 13 anni, e suo marito ne aveva 15. Non c'è bisogno di dire che non si trattò di un matrimonio fondato sull'amore, ma era più che altro un calcolo politico degli Asburgo per guadagnare un punto d'appoggio in Tirolo.

Questa storia si è già fatta molto complicata; tuttavia si aggroviglia ancora di più: Margarethe d’Austria scambiò la sua dote con quella di sua suocera, Margarethe „Maultasch“. Margarethe Maultasch stessa possedeva, grazie al matrimonio con Ludwig di Brandeburgo, un figlio del duca bavarese e imperatore Ludwig IV („der Baier“), una dote in Bavaria. Il 5 settembre 1360, suocera e nuora si scambiano le doti, tra cui anche Ehrenberg. Margarethe „Maultasch“ ricevette, fra gli altri, Ehrenberg, mentre sua nuora, Margarethe d’Austria, ricevette parecchi possedimenti in Bavaria. Alla prima occasione, la Appenzeller spines oltre Arlberg dopo il 26 maggio 1406 – ma non oltre il Flexenpass! – verso il tirolo. Il 4 giugno del 1406 si disputò una battaglia con molte perdite per i mercenari tirolesi sul ponte di Zams, di nuovo, i tirolesi furono battuti, rendendo possibile l’ingresso della Appenzeller a Innsbruck. Nonostante la loro vittoria, abbandonarono la campagna. Non vollero divider le proprie forze in uno strano paese. Inoltre, vennero richiamati da un messaggero.

Questo sito Web utilizza i cookies. Proseguendo con la navigazione, acconsentii al nostro utilizzo dei cookies.